Il gas rinnovabile aiuta lo sviluppo rurale e può ridurre le emissioni di gas serra fino al 12%

Rappresentazione del biogas

In Conferenza europea sul biogas 2020 È stato evidenziato il grande potenziale del biometano, fornendo energia rinnovabile e aiutando lo sviluppo rurale, in linea con il Patto verde europeo. Nelle dichiarazioni del presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen: "Per la neutralità climatica nel 2050 abbiamo bisogno di un approvvigionamento di gas rinnovabile al 100% basato su gas verdi, come il biometano e l'idrogeno". 

In Europa, il biometano ha un enorme potenziale per decarbonizzare l'economia del continente, contando sull'utilizzo di colture intermedie che, oltre al beneficio che apportano al suolo, costituiscono materia prima per la produzione di biogas. La crescita di questo settore fino al 2030 potrebbe essere esponenziale, con la realizzazione di circa 10.000 impianti di biogas, che vanno ad aggiungersi ai 18.000 attualmente esistenti. Saranno necessarie politiche di sostegno che diano fiducia agli investitori, richiedendo obiettivi ambiziosi e controllati per combustibili avanzati, inclusi biogas e biometano, regolamenti che facilitino l'accesso alle reti del gas, nonché un sistema di garanzie di origine che consenta il commercio transfrontaliero.

Il settore agricolo svolge un ruolo fondamentale in questo settore

Sia per le sue potenzialità sia per essere un generatore di volumi significativi di GHG, richiede incentivi che creino un quadro favorevole agli investimenti e sostegno economico ai progetti di biogas, soprattutto negli impianti stessi. 
Oltre ai benefici ambientali, la digestione anaerobica produce bioprodotti, come i biofertilizzanti, restituisce nutrienti al suolo e può generare impronte di carbonio negative a causa del sequestro del carbonio nel suolo. Questo settore si evolverà verso l'agroecologia, con strutture vicine alla generazione di rifiuti. Pertanto, il biometano non può essere giudicato esclusivamente sui suoi costi di produzione, ma anche sui suoi numerosi vantaggi, ambientali, gestione dei rifiuti, maggiore sicurezza dell'approvvigionamento, sviluppo rurale, ecc. e tenendo conto dei fattori citati, è competitivo rispetto ad altre alternative a basse emissioni di carbonio. 
Secondo la World Biogas Association (WBA), i costi medi attuali della produzione di biometano, intorno ai 60 € / MWh, potrebbero essere inferiori al costo del carbonio nel 2030, stimato intorno ai 200 € / ton CO2.

Ci sono grandi differenze nella produzione di biogas all'interno dell'UE

La Francia, con la "Legge di transizione energetica per la crescita verde" del 2015, ha stabilito come obiettivo che il 10% del consumo nel 2030 sarebbe gas rinnovabile. Attualmente sono 155 gli impianti che iniettano biometano nella rete. Il tasso di crescita è unico nell'UE, una media di un nuovo impianto di biometano ogni settimana, con 1.000 progetti registrati nel Registro della capacità di riserva. Nel 2050 avrà il 100% di gas rinnovabile.

In Svezia, Danimarca e Paesi Bassi ci sono stazioni di rifornimento che forniscono biometano al 100% a GNC. In Danimarca il 10% della rete fornisce biometano.

In Spagna siamo in uno stato incipiente, circa 250 impianti che generano elettricità e solo due impianti di biometano che immettono nella rete, oltre ad altri su piccola scala o in fase di avvio. Essendo uno dei paesi dell'UE con il maggior potenziale, questo parco è inappropriato. I principali ostacoli sono: mancanza di un quadro normativo che favorisca investimenti, produzione e consumi, e non avere un sistema che certifichi l'origine rinnovabile del biometano che ne permetta la commercializzazione all'interno e all'esterno del Paese. Il settore confida nel poter soddisfare la crescente domanda del settore e confida nell'applicazione dell'articolo 10 del Progetto di legge sui cambiamenti climatici e la transizione energetica sulla promozione e gli obiettivi dei gas rinnovabili, che prevede:

  • obiettivi annuali di penetrazione dei gas rinnovabili nella vendita o nel consumo di gas naturale,
  • un sistema di certificazione che consente supervisione e controllo, e
  • normative che favoriscono l'immissione di detti gas rinnovabili nella rete del gas naturale.