Avebiom annuncia la 1a Conferenza internazionale sul mercato del pellet domestico (CIMEP), 25 di settembre a EXPOBIOMASA

Logo Cimep
La produzione di pellet domestico supererà quest'anno le tonnellate 700.000, dopo sette anni di cifre record

il singolarità e dinamismo del mercato nazionale del pellet, che quest'anno registrerà una nuova produzione record in Spagna per superare le tonnellate 700.000, ha consigliato l'organizzazione di una conferenza internazionale per analizzarne le caratteristiche, tra cui il contrasto tra i sintomi frequenti di saturazione seguita da intervalli di domanda elevata.

Produzione di pellet domestico in Spagna, che ha triplicato da 2012, si è evoluto in base al progressivo aumento della domanda, che ha registrato cifre record di vendite da 2014 e che quest'anno raggiungerà le tonnellate 650.000.

Questi sono alcuni degli argomenti che affronteranno rappresentanti dell'intera catena del valore, al fine di analizzare le tendenze e stabilire previsioni, nella prima edizione dell'International Domestic Pellet Market Conference (CIMEP), convocata dall'Associazione spagnola di valutazione dell'energia da biomassa (Avebiom), che si terrà nell'ambito di EXPOBIOMASA'19 il prossimo settembre 25, a Valladolid.

"Il CIMEP sarà un punto d'incontro in cui saranno note le previsioni per la Spagna, nonché le tendenze del mercato nei paesi puramente produttori (come Portogallo, Russia, Canada e Polonia) e nei principali consumatori e importatori, come l'Italia e la Francia" , come spiegato dal presidente di Avebiom, Javier Díaz.

CIMEP parlerà la materia prima, la situazione del mercato nazionale e internazionale e l'evoluzione delle strutture per il consumo di pellet, argomenti che verranno affrontati da esperti di riferimento internazionali.

In particolare, saranno analizzati i due fattori più importanti nell'evoluzione del mercato del pellet. Da un lato, la materia prima, alla quale sarà dedicato un blocco in cui saranno rappresentati i diversi agenti: aziende forestali, amministrazione e proprietari forestali. E, dall'altro, le installazioni che consumano il pellet, sia in Spagna che in Europa.

Come osservato dal presidente di Avebiom, per i professionisti del settore del pellet "è importante conoscere le tendenze, sia nel mercato nazionale che internazionale del pellet, poiché definiscono lo schema delle loro previsioni di attività". Soprattutto, ha aggiunto, "le importazioni previste dal Portogallo e altri paesi produttori in Spagna, nonché le esportazioni pianificate in Italia e Francia".

L'evoluzione del mercato nazionale

La produzione nazionale di pellet, che ha leggermente superato le tonnellate 200.000 in 2012, si è evoluta costantemente, superando la cifra delle tonnellate 400.000 in 2014, fino ad avvicinarsi alle tonnellate 600.000 in 2018.

Secondo le stime di Avebiom e Apropellets, la produzione nazionale di pellet, che ha raggiunto numeri record da 2012, quest'anno supererà le tonnellate 700.000 e si prevede che saranno circa un milione di tonnellate in 2021.

Questa progressione risponde a un comportamento di consumo che è cresciuto in 2012 fino a quasi 400.000 tonnellate, anche se ha rallentato in 2013, per ricrescere costantemente da quell'anno a 2018, in cui le cifre delle vendite si sono avvicinate 600.000 tonnellate. Secondo i dati di Avebiom e Apropellets, le vendite di 2019 saranno di circa 650.000 tonnellate.