Il Portogallo anticipa la chiusura a 2022 della centrale termica a carbone di Pego e analizza il suo trasferimento alla biomassa.

Impianto di carbone in Portogallo

Nella centrale termica di Pego, di 628 MW, prima dell'imminente chiusura prevista in 2022 e per prolungare la vita della centrale, stanno analizzando l'alternativa di sostituire il carbone con la biomassa forestale, ma dipenderà dalle condizioni che il governo gli concede.

Attuali direttori di stabilimento ritengono che dovrebbe risolvere la logistica relativi alla fornitura di biomassa, perché il centro di Pego potrebbe assorbire circa un terzo della biomassa disponibile per questo tipo di piante che il Portogallo può raccogliere un anno.

Il Portogallo ha sovraccapacità nella produzione di energia, ma come vuole chiudere le termiche di carbone nei prossimi cinque anni dovrà aumentare la potenza rinnovabile, e per questo sarà necessario fare un investimento di circa sette miliardi di euro in fonti di energia rinnovabile come la biomassa o l'energia solare. L'aspettativa del governo è che in 2030, Il Portogallo può ottenere le energie rinnovabili per rappresentare il 47% della domanda finale di energia.

fonte: https://elperiodicodelaenergia.com