Le stufe e le caldaie della biomassa hanno evitato in 2018 l'emissione di più di 4,1 milioni di tonnellate di CO2

Le stufe e le caldaie della biomassa hanno evitato in 2018 l'emissione di più di 4,1 milioni di tonnellate di CO2

Le aziende leader a livello mondiale porteranno a Expobiomasa le ultime innovazioni in termini di riduzione e controllo delle emissioni.

Le installazioni di riscaldamento quasi 300.000 con biomassa tecnificata in Spagna hanno impedito l'emissione di 4.157.319 tonnellate di CO2 che influisce negativamente sui cambiamenti climatici. Queste sono le emissioni derivanti dalla sostituzione dell'uso di combustibili fossili, come diesel e gas naturale, per un'energia rinnovabile come la biomassa, le cui emissioni sono neutrali in termini di emissioni di gas serra. Sono dati 2018 pubblicati in www.observatoriobiomasa.es in coincidenza con la celebrazione della Giornata Mondiale dell'Ambiente.

Il numero totale di tonnellate di CO2 è equivalente al ritiro teorico della circolazione da intorno 2,8 milioni di automobili, circa il 12% di quelli che circolano in Spagna alla fine di 2018.

Questo nuovo settore ha generato un'attività in 2018 870 milioni, quasi un 2% in più rispetto all'anno precedente, e impiega persone 9.600, un 11% in più. Inoltre, ha permesso di evitare l'importazione di un equivalente di 1.570 milioni di litri di diesel.

EXPOBIOMASA 2019

In occasione dei dieci anni di attività dell'Osservatorio della biomassa, Avebiom presenterà una relazione sull'evoluzione del settore e il suo contributo al lotta contro l'emissione di gas serra dall'uso di combustibili fossili, come diesel o gas naturale, che influiscono negativamente sui cambiamenti climatici. La presentazione sarà effettuata nel quadro di Expobiomasa 2019.

Durante la fiera di settembre, a Valladolid, verranno presentate le ultime innovazioni, soluzioni e strategie alle emissioni nel settore: nuovi caminetti a legna, stufe a pellet e caldaie a biomassa secondo le normative progettazione ecocompatibile loro più che incontrarsi emissioni ben al di sotto dei limiti stabilito dalla legislazione vigente e da quella prevista; squadre di condensazione e ibridazioni di biomassa con altre energie rinnovabili, microcogeneración, comprese stufe a biomassa e caldaie adattate ai nuovi concetti di edifici con consumo energetico quasi zero con un esaustivo controllo delle emissioni e un consumo energetico altamente efficiente.