In Austria la percentuale di 35 del riscaldamento domestico utilizza la biomassa e ha vietato l'uso del diesel.
Riscaldamento domestico a pellet

In Austria la percentuale di 35 del riscaldamento domestico utilizza la biomassa e ha vietato l'uso del diesel.

La European Pellet Conference, tenutasi quest'anno a Wels, è stata la scena in cui Christiane Egger, direttore della conferenza, ha sottolineato la crescita delle biomasse nell'Alta Austria, la regione in cui si svolge l'evento: 35% dei sistemi di riscaldamento domestici funziona già con le biomasse.

La sostituzione di vecchi impianti di diesel e altri combustibili fossili da moderne caldaie a biomassa ha raggiunto ridurre le emissioni di gas serra in un 43% negli anni 10 (2005-2015) nel settore residenziale.

Si fida di Egger nel tecnica "bastone e carota": vieta le caldaie diesel (stick) e gli aiuti, sia per la sostituzione delle caldaie che per l'innovazione.

I sistemi di riscaldamento a gasolio saranno vietati in Austria da 2020.

Il prossimo passo sarà vietare l'installazione di riscaldatori a gas. Per il momento, dal gennaio 1 2019, è vietato il riscaldamento diesel nei nuovi edifici nella Bassa Austria. Vienna ha implementato la misura alla fine di marzo, facendo un ulteriore passo avanti proibendo l'uso del diesel nella ristrutturazione di grandi edifici.

L'Austria aspetta sostituire i sistemi di riscaldamento diesel 600.000 nei prossimi anni. In questo modo, raggiungerebbe un duplice obiettivo economico: ridurre le sanzioni per il mancato rispetto degli obiettivi climatici e ridurre le importazioni di combustibili fossili.

Advantage Austria coordina la partecipazione delle aziende leader nel settore delle biomasse in Austria: Herz, Okofen, Rika, Solarfocus, Hargassner, Windhager, Hass + Sohn, Kohlbach, Posta elettronica austriaca e ETA.

fonte: www.bioenergyinternational.es
www.oekonews.at