Produzione record di pellet di legno in Spagna con 714.000 tonnellate

Nel 2022, la produzione di pellet supererà le 900.000 tonnellate.
Nel 2022, la produzione di pellet supererà le 900.000 tonnellate.

La produzione di pellet di legno in Spagna è aumentata del 20% nell'ultimo anno, raggiungendo un volume record di 714.000 tonnellate nel 2019.

La produzione spagnola, dieci anni fa, nel 2010, contava 29 fabbriche di pellet che producevano 150.000 tonnellate principalmente destinate al mercato estero. Attualmente, nel 2019, sono state prodotte 714.000 tonnellate in Spagna in 82 fabbriche destinate principalmente al mercato interno. È del 20% in più rispetto alla produzione dell'anno precedente.

Della produzione spagnola, il 77% è destinato all'uso domestico, con sacchi da 15 chilogrammi che rappresentano la forma di consumo più comune sul mercato interno. Questi sono i dati del Rapporto statistico annuale sul mercato del pellet in Spagna che è stato recentemente preparato da AVEBIOM, l'associazione spagnola di valorizzazione energetica della biomassa.

Un'altra caratteristica del mercato spagnolo è che il marchio ENpiù, il certificato di qualità internazionale più riconosciuto, è il più richiesto dai clienti spagnoli, con l'82% dei pellet prodotti nel 2019 e certificati con questo sigillo.

Per Comunità autonome, la produzione di Castilla y León si distingue per oltre 223.000 tonnellate, la Catalogna con 97.000 tonnellate e la terza Galizia con una produzione di 86.000 tonnellate nel 2019. Vi sono fabbriche in 16 delle 17 Comunità che hanno generato migliaia di nuovi posti di lavoro stabili nelle zone rurali.

Adeguamento della produzione previsto per il 2020

Oltre ad essere un anno record in termini di produzione, il 2019 è stato anche un volume record importato dal Portogallo. Un eccesso di produzione in Portogallo, causato dalla minore domanda del mercato britannico, ha facilitato l'ingresso in Spagna di 160.000 tonnellate di pellet. Questo aumento delle importazioni, insieme al mite autunno in Spagna, ha riempito i magazzini di produttori e distributori spagnoli, che non hanno esitato ad adeguare il ritmo di produzione per adattarsi alla domanda attuale.

D'altra parte, a causa del COVID-19, il lavoro delle aziende che installano nuove caldaie e stufe a pellet ha rallentato troppo, quindi si prevede che l'aumento dei consumi in Spagna nel 2020 sarà solo del 2% mentre il La crescita media del consumo di pellet in Spagna negli ultimi tre anni è stata del 12%.

Le aspettative per la produzione di pellet di legno in Spagna nel 2022 sono molto più positive rispetto a quest'anno, questa cifra si avvicinerà a 900.000 tonnellate. Nonostante il crollo anomalo dei prezzi del petrolio, dal governo spagnolo sono attese una serie di misure legislative che aumenteranno l'uso delle energie rinnovabili nei prossimi anni. Come altri paesi dell'UE, la Spagna ha espresso il desiderio della Commissione europea di sostenere una via di uscita "verde" per l'economia Post CovidCiò è in linea con l'intenzione dell'UE di raggiungere un accordo per raggiungere obiettivi di decarbonizzazione più ambiziosi entro il 2030.