Pedralbes e altri edifici unici si arrendono al calore della biomassa di Termosun

Il Palacio de Pedralbes utilizza la biomassa

Il Palazzo Pedralbes di Barcellona è stato uno degli ultimi edifici unici della geografia nazionale da incorporare apparecchiature alimentate a biomassa per usi termici, cioè per soddisfare la domanda di calore e acqua calda sanitaria (ACS).

L'edificio, dichiarato di interesse culturale, ha rinnovato le sue strutture con un caldera Cuore 500 kW firematic, che viene fornito con pellet di legno, e sostituisce le due caldaie a gas obsolete installate quasi 40 anni fa. Una volta superata la vita dell'apparecchiatura e le prestazioni attuali non sono aggiornate rispetto agli attuali valori di efficienza energetica, il progetto di ristrutturazione del sito ha deciso di cambiare la fonte di energia e passare alla biomassa. Con questa azione nell'edificio principale del complesso, che dispone di 8.082 m², i criteri efficienti sono prioritari e è conforme alle direttive europee per la riduzione delle emissioni di CO2.

L'elenco di costruzioni monumentali che hanno optato per la tecnologia austriaca offerto dalla ditta catalana la gonfia: l'Abbazia di Monserrat (Barcellona); il monastero di San Pedro de Cardeña, a Castrillo del Val (Burgos); il monastero di Santo Domingo de Silos (Burgos); il Monastero della Stella a San Asensio (La Rioja); e il Santuario di Javier (Navarra).

E sebbene le apparecchiature alimentate a pellet e schegge sembrino adattarsi perfettamente alle esigenze di questi templi, la conclusione che la biomassa fosse la migliore soluzione energetica non è venuta per ispirazione divina. In effetti, gli argomenti addotti dai responsabili dell'eredità delle diverse entità territoriali erano più terreni. Tutti questi edifici unici sono caratterizzati da grandi dimensioni che, sebbene difficili da riscaldare, hanno abbastanza spazio per un solido stoccaggio di biocarburanti.

Un'altra particolarità che condividono queste costruzioni è che sono lontani dai centri urbani, situati in punti che non hanno la canalizzazione necessaria per fornire gas naturale e che di solito coprono la loro domanda di energia con diesel o propano, più costosi di gas naturale In questi casi "la biomassa è una soluzione energetica molto competitiva", Afferma Xavier Piñero, ingegnere e direttore commerciale di Termosun, che considera il gas naturale "un duro rivale per la biomassa".

RISPARMIO, EFFICIENZA E IMMAGINE

La verità è che dietro ciascuna di queste strutture c'è una storia, generalmente di risparmio sulla bolletta energetica, anche se altri fattori convergono nella decisione finale del cambiamento in biomassa. "Alla fine, nell'95% dei casi, la condizione più importante è quella economica, sebbene altre circostanze influenzino anche, ad esempio, l'uso delle foreste praticato nell'area, che è decisivo per garantire l'approvvigionamento di biocarburanti a buon prezzo ", afferma Piñero.

Il miglioramento della classificazione energetica dell'edificio e la necessità di proiettare un'immagine impegnata e rispettosa dell'ambiente intervengono anche nella decisione, perché secondo il rappresentante di Termosun, "a volte soddisfa la conformità di una direttiva delle autorità locali che impone una riduzione delle emissioni di CO2 a livello comunale ”e il consumo di energia di questi edifici ha un peso importante in questo equilibrio.

Le dimensioni di questi monasteri, santuari e abbazie li rendono grandi strutture con costi energetici elevati, quindi anche i risparmi diretti sono elevati. I risparmi generati dall'uso di biocarburanti oscilla, secondo le particolarità di ciascun caso, tra 20% e 50%, a seconda del riferimento che prendiamo: il pellet in relazione al gas naturale, il pellet in relazione al diesel o la scheggia riferita al gas naturale o diesel. anche se si verificano casi di risparmio fino al 70% quando l'installazione è limitata a un comune con abbondanti rifiuti industriali di legno o il comune stesso è proprietario di una foresta.

Nel caso dell'Abbazia di Montserrat, il contratto con la proprietà includeva una proposta di risparmio tra 10% e 20% della sua fattura, durante gli anni 10, attraverso la modalità di acquisto di energia dalla società di servizi Energia (ESE) contratta, che presuppone l'investimento dell'installazione, che diventa proprietà dell'Abbazia, dopo quei primi anni 10.

Secondo l'opinione del direttore di Termosun, la cosa difficile in questo tipo di edifici singolari è catturare il primo. Una volta dimostrati il ​​corretto funzionamento e i risparmi generati dalla biomassa nella prima, arrivano presto progetti simili. Altri edifici rappresentativi che soddisfano le loro esigenze di riscaldamento con apparecchiature dello stesso marchio sono il quartier generale della presidenza della Junta de Castilla y León (Valladolid) e la Fondazione del museo Atapuerca a Ibeas de Juarros (Burgos).

Anche se troviamo anche altri esempi in strutture residenziali, sanitarie, educative o sportive. Nella stazione sciistica di La Molina, nei Pirenei catalani, il consumo annuo di gasolio è stimato a 98.840 euro, attualmente la sua installazione di biomassa funzionerebbe usando schegge del valore di 38.662 euro. Tuttavia, in questo caso il costo viene ridotto ancora di più, poiché più della 50% della scheggia proviene dalle sue strutture, facendo sì che il costo diretto di questa scheggia sia di circa 15.000 euro e superi i risparmi della 80%.

TERMOSUN e HERZ sono aziende espositrici di EXPOBIOMASA

fonte: https://www.merca2.es/edificios-singulares-biomasa/