Pellet contro i cambiamenti climatici

Pellet e cambiamenti climatici

L'uso della pellet di legno come fonte di energia termica viene imposto come misura più sostenibile in termini economici, sociali e ambientali per combattere i cambiamenti climatici. Il suo utilizzo incoraggia lo sviluppo rurale, crea posti di lavoro e, essendo redditizio, contribuisce a un futuro sostenibile ed equo con la nostra società e l'ambiente.

I pellet sono carbon neutral

Il consumo di energia dei pellet di legno è a emissioni zero: il carbonio che le piante generano con la fotosintesi viene rilasciato con la combustione. Le emissioni di energia fossile sono completamente diverse: il carbonio rilasciato nell'atmosfera si è accumulato e immagazzinato nel suolo per milioni di anni!

La società ha già alcuni strumenti per lotta contro i cambiamenti climatici, e il principale è ridurre il consumo di combustibili fossili D'altro canto, da decenni generano una dipendenza energetica molto elevata da altri paesi e multinazionali.

Come indica l'attuale Direttiva UE sulle energie rinnovabili, è necessario tenere conto delle emissioni per la lavorazione e il trasporto della biomassa, come per gli altri combustibili fossili. I criteri di sostenibilità previsti dalla presente direttiva garantiscono che tali emissioni siano ridotte al minimo con requisiti rigorosi per il risparmio di gas a effetto serra (GHG). Inoltre, a buoni progressi nella ricerca e nello sviluppo tecnologico per catturare e conservare CO2, impedendo loro di essere emessi nell'atmosfera. In ogni caso, il consumo di un biocarburante come il pellet di legno prodotto in un ambiente vicino sarà più sostenibile che doverlo importare via mare da paesi terzi a migliaia di chilometri di distanza.

La stessa direttiva europea garantisce che, con i criteri di sostenibilità ambientale richiesti per tutti i tipi di bioenergia, Diventa l'unica forma di energia con una garanzia di approvvigionamento sostenibile, indipendentemente dall'origine geografica. Questi criteri garantiscono la biodiversità, la qualità del suolo, la protezione della natura, il mantenimento dello stoccaggio del carbonio nel monte e significativi risparmi di GHG rispetto ai combustibili fossili.

Fuentes: Avebiom y Bioenergyeurope