Riscaldamento domestico con biomassa ed emissioni: analisi dell'AIE

Tabella con i dati delle emissioni di biomassa

L'Agenzia internazionale dell'energia (AIE) ha pubblicato a Análisis sugli effetti del riscaldamento domestico con biomassa sulla qualità dell'aria. Tra le sue conclusioni, l'analisi evidenzia che le caldaie e le stufe a biomassa moderne rispettano rigorosi limiti di emissione se usate in modo appropriato, sebbene preveda un adeguamento sempre più rigoroso a livello legislativo nell'UE.

Garantire basse emissioni

La combustione di biomassa solida può emettere diversi inquinanti nell'aria, il che ha causato che il riscaldamento con biomassa nel settore residenziale è stato visto con sospetto a volte.

il livelli di emissione di riscaldamento residenziale variano in modo significativo secondo il team, come funziona e le caratteristiche del biocarburante utilizzato.

Ad esempio, i camini aperti e le tradizionali stufe a legna generano elevate emissioni di inquinanti atmosferici e il loro uso dovrebbe essere scoraggiato nelle aree urbane per motivi di qualità dell'aria, secondo l'analisi dell'AIE.

Al contrario, le moderne caldaie a biomassa e le stufe soddisfano severi limiti di emissione se usate in modo appropriato.

Quali sostanze inquinanti dell'aria emettono la combustione della biomassa solida?

La combustione della biomassa solida può liberare composti organici volatili (VOC) e particelle (carbonio da biomassa, fuliggine e catrame). La combustione incompleta emette anche monossido di carbonio (CO).

Inoltre, la combustione della biomassa solida produce inquinanti gassosi come NOx e SOx e, se il legno è contaminato da metalli pesanti e composti organici di cloro, possono emettere ancora più inquinanti.

Nelle grandi installazioni a biomassa, le apparecchiature per la pulizia dei gas di scarico possono ridurre le emissioni a livelli accettabili se adeguatamente progettate.

Nel riscaldamento su piccola scala viene comunemente utilizzata la biomassa legnosa incontaminata. Nell'immagine dell'intestazione, le tipiche frazioni organiche di carbonio (OC) e di particolato (PM) sono mostrate in base alle diverse tecnologie di riscaldamento della biomassa.

Migliore biomassa rispetto ai combustibili fossili

I combustibili fossili per il riscaldamento, in particolare il carbone, producono elevate emissioni di inquinanti atmosferici.

Ad esempio, la combustione del carbone per il riscaldamento residenziale può causare emissioni di PM 20 a 430 g / GJ (Butcher e Ellenbecker, 2012), e aumento delle emissioni di anidride solforosa (SO2) che i combustibili da biomassa.

L'analisi rileva inoltre che le emissioni di particolato del gas naturale sono inferiori a quelle dei biocarburanti solidi.

Come migliorare l'efficienza delle attrezzature domestiche

La combustione completa della biomassa riduce al minimo il rilascio di sostanze inquinanti nell'aria.

Garantire una combustione completa richiede una miscelazione ideale di gas combustibili e aria di combustione, un adeguato rapporto aria-carburante e tempo di permanenza nella camera di combustione e una temperatura della fiamma sufficiente.

Per risolvere le conseguenze di una combustione incompleta ci sono misure secondarie, come convertitori catalitici e precipitatori elettrostatici, che riducono le emissioni.

Tuttavia, il misure secondarie di solito non sono installati in apparecchiature residenziali a causa del loro alto costo.

Attrezzature manuali e automatizzate

Il modo in cui l'impianto di riscaldamento influisce notevolmente sulle emissioni, soprattutto nelle caldaie e nelle stufe azionate manualmente.

Nei sistemi manuali, l'accensione, la quantità di biocarburante introdotta nella camera di combustione e il livello di aria di combustione erogata devono essere gestiti con la massima cura, in conformità con le migliori pratiche, per ridurre al minimo le emissioni.

La gestione manuale di queste condizioni per garantire una combustione quasi completa è complicata, in modo che le emissioni effettive possano superare significativamente quelle definite nelle condizioni di prova.

Ciò evidenzia l'importanza di considerare le condizioni operative reali durante lo sviluppo degli standard di emissione.

il dispositivi automatici più sofisticato può mantenere le condizioni necessarie per raggiungere a quasi completa combustione della biomassa e, quindi, generare emissioni molto basse quando sono gestiti correttamente.

La rilevanza della qualità dei biocarburanti

Anche l'utilizzo di biocarburanti appropriati è fondamentale. Per mantenere le emissioni a livelli bassi, il contenuto di umidità, le dimensioni e il contenuto di ceneri del biocarburante devono essere appropriati.

L'applicazione di standard di qualità per i biocarburanti, come ad es ENplus® per i pellet di legno e per i sistemi di misurazione della combustione e delle emissioni, possono ridurre ulteriormente l'impatto del riscaldamento residenziale con biomassa sulla qualità dell'aria.

La legislazione che viene: più restrizioni

In 2017, la Commissione europea ha annunciato l'imposizione di infrazioni nei confronti degli stati membri 16 per livelli eccessivi di PM10 (particelle solide con diametro inferiore a 10 μm).

Di conseguenza, è probabile che le normative, il monitoraggio e la natura obbligatoria di soddisfare i livelli di emissione diventa più severo per impianti di riscaldamento residenziale con biomassa solida.

L'Italia, che ha il più grande mercato per le apparecchiature di riscaldamento a pellet in Europa, ha recentemente approvato una nuova legislazione per classificare le stufe a biomassa in base al livello delle emissioni inquinanti.

Il riscaldamento con biomassa solida offre un'alternativa rinnovabile e con minori emissioni di carbonio rispetto ai sistemi basati sui combustibili fossili, ma È possibile che le politiche europee richiederanno sempre più una progressiva limitazione delle emissioni.

Obiettivo: ridurre ulteriormente le emissioni

Ridurre al minimo le emissioni attraverso uso di tecnologie sofisticate, Con selezione corretta di biocarburanti e implementando il buone pratiche sarà la chiave per il futuro del mercato residenziale del riscaldamento a biomassa.

Ciò è già evidente in paesi come la Germania, i Paesi Bassi o la Francia in cui l'ammissibilità ai sussidi per l'installazione di caldaie a biomassa è legata ai criteri minimi di emissione.

Maggiori informazioni www.iea.org

fonte: https://bioenergyinternational.es/calefaccion-domestica-con-biomasa-y-emisiones/