Notizie

Risparmio ed efficienza energetica

Promotori, progettisti, architetti e decoratori, costruttori, aziende di riabilitazione, direttori di aziende agricole e grandi consumatori di energia hanno l'opportunità di integrare le biomasse nel mercato dell'edilizia e della riabilitazione, sfruttando:

  • I vantaggi di risparmio, finanziamento e manutenzione cosa significa per utenti e professionisti che si affidano a Energy Service Companies (ESE).
  • Legislazione attuale, che include impianti a biomassa come misura di riabilitazione ed efficienza energetica nelle case.
  • La biomassa per l'acqua calda e il riscaldamento è una delle soluzioni più interessanti per migliorare sostanzialmente il Valutazione di efficienza energetica, con periodi di ritorno più brevi rispetto a qualsiasi misura passiva isolata, finestre, ecc.
    Nell'edilizia residenziale, la richiesta termica di acqua calda e riscaldamento si avvicina al 66% dell'energia totale consumata in condizioni di vita e di utilizzo normali. Gli edifici che ottengono l'energia dai combustibili fossili ottengono una bassa qualifica quando penalizzano le alte emissioni di CO2. Le energie rinnovabili, come la biomassa, non calcolano o emettono CO2 né il consumo di energia primaria non rinnovabile, quindi gli edifici con una cattiva valutazione possono vederla notevolmente migliorata se installano una nuova caldaia a biomassa.

Un sigillo che garantisce la qualità e la specializzazione nell'installazione, funzionamento, manutenzione e riparazione di stufe a biomassa e impianti di caldaie
In riconoscimento delle diverse azioni, sia di sensibilizzazione, supporto e investimento, sviluppate negli ultimi anni, in particolare per quanto riguarda l'uso della biomassa per la generazione termica negli edifici pubblici e privati.
Le quattro fabbriche di bioetanolo in Spagna hanno prodotto quasi il quaranta per cento in più di questo biocarburante in 2018 rispetto a 2017, secondo i dati forniti dalla Commissione nazionale dei mercati e della concorrenza. La produzione è passata da 379 milioni di litri in 2017 a 522 in 2018, che rappresenta circa il novanta per cento della capacità installata.
Nella centrale termica do Pego, di 628 MW, con le disposizioni di chiusura imminenti 2022 e per estendere la vita della pianta, stanno considerando la possibilità di sostituire carbone da biomassa forestale, ma dipenderà dalle condizioni che il contributo pubblico per esso .
17 milioni di euro è pianificato per investire Nestlé nel suo stabilimento di Girona, in Spagna, per costruire una caldaia a biomassa, utilizzare fondi di caffè come biocarburante e ottenere vapore di processo. Pertanto, nella sua catena di produzione, verrà fornito con energia rinnovabile e ridurrà il consumo di gas naturale in fabbrica del venticinque percento.
Il Gruppo HAM ha messo in servizio la sua terza stazione di rifornimento HAMikro a Lleida, che consente il rifornimento di biometano derivato da un impianto di trattamento delle acque reflue (WWTP). L'impianto, di proprietà di FCC Aqualia, è costituito da un sistema di compressione del carburante che utilizza un compressore a basso flusso, un dispositivo che consente lo stoccaggio di biometano in bombole ad alta pressione (CNG) e un distributore di pompe per veicoli.
Confortevole, rinnovabile, economico ed ecologico.
Lo scorso lunedì 22 di aprile, la Giornata Mondiale della Terra, l'Osservatorio della Sostenibilità ha pubblicato un riassunto esecutivo delle società più inquinanti del paese con la ragione di ricordare che se non decarbonizziamo tutti i settori della nostra economia nei prossimi decenni, è È probabile che le temperature salgano al di sopra dei gradi 2, con conseguenze devastanti.
La "Giornata della bioenergia in Spagna" torna a celebrare quest'anno 3 di dicembre, data che coincide con l'inizio del periodo dal quale la biomassa può soddisfare tutta la domanda energetica del Paese fino alla fine dell'anno. Pertanto, la Spagna mantiene 28 giorni di autosufficienza energetica solo con la biomassa, simile all'anno precedente, quindi rientra nella posizione 25 della classifica europea, ora anche dietro Grecia e Belgio, secondo le statistiche di Bioenergy Europe.
Lo ha fatto in 2016, da dove provengono i dati del nuovo rapporto statistico preparato dall'associazione dei datori di lavoro europei del settore: Bioenergy Europe, precedentemente Aebiom. Il resto delle conclusioni si ripete rispetto ad altri anni: la bioenergia nel suo insieme è la principale fonte di energia rinnovabile nell'Unione europea, domina la generazione termica, importa solo il quattro per cento dei biocarburanti, la Germania è leader nella produzione di energia primaria e la Spagna rimane all'ottavo posto.
Javier Díaz, presidente dell'Associazione spagnola per la valorizzazione dell'energia delle biomasse. È davvero facile parlare dell'economia circolare in relazione alla biomassa, e non credo che ci siano molte tecnologie energetiche che soddisfano i postulati dell'economia circolare, come la biomassa fa dalle montagne o dai campi, o con la la valorizzazione di alcuni sottoprodotti dell'industria agroalimentare o altri come la silvicoltura, che sono utilizzati per produrre energia elettrica e termica, si adattano perfettamente a questi, dal momento che dopo
Avebiom assegna il premio "Promuove la bioenergia 2018" al Ceder-Ciemat de Soria. La giuria ha evidenziato l'attività svolta dal centro nel campo della "ricerca e sviluppo della biomassa per uso energetico; un campo in cui 32 porta avanti progetti di ricerca da anni al servizio dell'industria spagnola ".